Pasta fresca a La Caletta

I gusti tipici della pasta fatta a mano

Piatto forte della cucina Tipica da Giovanna è la pasta fresca a La Caletta. Nel ristorante, infatti, promotore dei sapori semplici e genuini della cucina sarda, non poteva mancare la pasta fresca fatta a mano. La proprietaria, ogni giorno, perché la tradizione è diventata passione e voglia di far scoprire a tutti le bellezze e l’eredità della Sardegna, prepara pasta fresca con ingredienti locali per poi servirla ai tavoli con i curiosi nomi del dialetto sardo.

Dopo una giornata passata sulle spiagge bianche de La Caletta a immergersi in quell’acqua cristallina che ferma il tempo nell’epoca della natura incontaminata, la signora Alessandra coccola i suoi clienti con cibi genuini che permettono di riassaporare il piacere della semplicità e delle piccole cose.

Il menù offre i cosiddetti “Maccarones de Busa”, una specie di bucatini lavorati, come nei tempi antichi, con un apposito ferro allungato che conferisce loro la forma tipica, con vongole e bottarga. Per gli amanti della pasta ripiena, la cucina prepara dei ravioli ripieni di ricotta con bottarga, spinaci e erbe.

Non mancano per i più tradizionalisti gli spaghetti allo scoglio o con i ricci, prelibatezza, difficile da trovare nei ristoranti, ma anche risotto ai frutti di mare, pescato in giornata e mai congelato.

Tipico piatto sardo da provare e rigorosamente preparato con pasta fatta a mano è la Fregola con bottarga e vongole. Per chi non lo sapesse, questa è una particolare pasta secca di semola di grano duro, lavorata a piccoli grumi, che si sposa perfettamente con gli ingredienti scelti dalla cuoca. La divisione tra pesce e carne è anche disponibile nei primi. Per gli amanti dei profumi della terra, ampia è la scelta di pasta fatta a mano servita senza pesce: per i più piccoli o per i più semplici, ma sempre in cerca di un gusto casereccio, la signora Alessandra propone un misto pasta fatto in casa con una genuina salsa al pomodoro, e ancora i cosiddetti “Maccarones de punzu”, particolari gnocchetti di semola di grano duro, insaporiti con sugo di salsiccia. Per concludere, anche se la scelta continua ad offrire opzioni, è da citare l’immancabile Pane Frattau, il tipico pane carasau bagnato nel brodo e disposto a strati alternati, con pecorino grattugiato e salsa di pomodoro.


Un finale da favola con i liquori fatti in casa


Gustare la pasta fresca de La Caletta è un’esperienza che coinvolge tutti i sensi e che riporta alle tradizioni culinarie sarde e del mediterraneo.

La cucina Tipica da Giovanna con il suo menù ricco di antipasti di mare e terra, pasta fatta in casa, secondi di carne e pesce e dolci tipici sardi rappresenta dal 1969 una garanzia di gusto e sapori sulla costa orientale della Sardegna.

Nel percorso gastronomico la signora Alessandra ha pensato davvero a tutto: il digestivo o il liquore post pranzo è rigorosamente casereccio e con ingredienti locali.

A fine pranzo o cena è di rito assaporare il tradizionale mirto nella variante rossa, bianca o in crema. Il liquore antichissimo, prodotto dalle bacche, che un tempo era proibito dagli editti, è fatto in casa con la stessa lavorazione di un tempo per assicurargli un sapore unico. Immancabile è anche il “Sa Pompia”, il digestivo adatto a concludere al meglio le cene o i pranzi nella zona di Siniscola. Questo liquore è, infatti, ricavato dalle bucce di Pompia, una specie di limone-cedro, tipico della zona. Il sapore dolce e il retrogusto amarognolo rendono questo liquore un ottimo digestivo, che si pone come tappa finale del viaggio enogastronomico nelle tipicità sarde, offerto dalla Cucina Tipica da Giovanna a Siniscola.